Lungro

L'Eparchia arbëreshë di Calabria
Lungro. Panorama10

© Regione Calabria

Paesi

Vuoi conoscere da vicino i segreti e la bellezza del rito greco-bizantino e della minoranza etnolinguistica arbëreshë? Visita Lungro, in provincia di Cosenza.

Fondato dai profughi albanesi nella seconda metà del XV secolo, è oggi importante punto di riferimento per l’intera comunità albanese italiana, vera e propria capitale religiosa e sede dell’Eparchia di rito greco-bizantino (arbëreshë). 

Il centro abitato richiama la tradizione orientale nella struttura circolare degli edifici, raccolti attorno alle due piazze centrali e dislocati nelle tipiche gjitonia (vicinati), nuclei sociali con regole proprie. Al busto del patriota albanese, Giorgio Castriota Scanderberg, è riservato il posto d’onore al centro della piazza principale.

L’anima di Lungro risiede nelle sue tradizioni antiche e nelle suggestive feste religiose, dai riti della Settimana Santa Arbëreshë (Java e Madhe) e di Pasqua (Pashkëvet), al celebre Carnevale (Karnivalli), in occasione delle quali le vie del paese si animano di costumi tradizionali, balli, canti e parate.

Cosa vedere a Lungro? Naturalmente la Cattedrale di San Nicola di Mira e il Museo Diocesano. Imperdibile il Museo Storico della Miniera di Salgemma, testimonianza di una tra le miniere più antiche e importanti d'Europa, utilizzata dai coloni greci di Sibari e Thurij, dai romani e dai normanni, che diedero vita a un fiorente commercio di salgemma trasportato a dorso di mulo.

Non si può lasciare Lungro senza ver assaggiato le specialità gastronomiche "calabro-albanesi": i dolci a base di miele e la shtridhëlat me fasule, pasta fatta a mano condita con salsa al pomodoro e fagioli, piatto tipico del posto.

Nessun risultato

Guide turistiche

Nessun risultato

Ultimo aggiornamento: 10 mag 2024 13:52