Sellia

Comune Sellia

Sellia è una località nota per i resti della fortezza che faceva sicuramente parte del complesso sistema difensivo della Calabria, realizzato in epoca normanna, per esigenze difensive e feudali.

Venne costruito sulla sommità del colle sovrastante il paese, a presidio del nucleo abitato, e doveva essere simile ad altre costruzioni fortificate dell’epoca, con grosse muraglie a carattere difensivo, con torri alte e merlate, che chiudevano una corte interna.

Il centro storico è sovrastato da una teleferica per volo sospeso lunga 500 metri, una torre di lancio con tecnologia Quick Jump, un ponte panoramico sospeso lungo 130 metri e diversi percorsi acrobatici.

La storia di Sellia si interseca per molti aspetti con quella di Taverna e Catanzaro. Grande interesse storico ed architettonico conserva il suggestivo centro storico, che mantiene intatto il  suo antico fascino di tipico borgo medioevale con viuzze inestricabili e ricche di scorci pittoreschi, tra cui la chiesa di S. Nicola di Bari, la chiesa del SS. Rosario e la chiesa della Madonna della Neve, i resti del Castello medioevale, e la Porta Bella, una caratteristica e suggestiva gradinata costituita da 130 gradini, che collega il centro storico alla parte inferiore dell'abitato. Molta importanza rivestiva in passato la produzione di olio d’oliva, come dimostrato dai numerosi frantoi che esistevano nell’abitato di Sellia. Tra questi è stato recuperato integralmente un frantoio degli inizi del XIX secolo di notevole valore storico, che trova collocazione in un locale del rione S. Angelo, nel centro storico. Il frantoio rappresenta una testimonianza della cultura contadina, diventata museo all'interno del medesimo territorio in cui si è sviluppata, dove si possono ammirare le diverse attrezzature tradizionali che attestano il ciclo della produzione dell’olio.

Seguendo questa idea, nel corso degli anni Sellia è diventato nel tempo il borgo con più spazi museali d’Europa, in quanto se ne contano uno ogni 60 abitanti. Grazie all’offerta dello Smoss, Sistema dei Musei e degli Opifici Storici di Sellia, nel borgo sono attive quattro strutture museali. Si tratta del Museo dei Bambini, del Museo del Fumetto, dell’Eco Museo all’aperto e del Museo della Scienza, a cui si aggiungono altrettanti opifici storici, consistenti in due antichi frantoi del Seicento, uno del Settecento e due antichi forni ottocenteschi. A Sellia appartiene anche un altro primato, ovvero quello del primo Borgo Avventura d’Europa. Il centro storico medievale, infatti, è sovrastato da una teleferica per volo sospeso lunga 500 metri, una torre di lancio con tecnologia Quick Jump alta 15 metri, un ponte panoramico sospeso lungo 130 metri ed anche diversi percorsi acrobatici con 24 piattaforme. Il Parco Avventure in borgo è interamente realizzato nell’area sovrastante la parte antica e si caratterizza per avere alle spalle l’altopiano della Sila Piccola e di fronte il meraviglioso tratto di costa del Mar Ionio che spazia da Soverato a Le Castella. II centro storico si caratterizza ulteriormente per il palazzo nobiliare dei Placida, un edificio storico risalente al XVIII secolo, e presenta una singolare strutturazione del borgo antico con le case arroccate una all’altra, che gli conferisce il caratteristico aspetto di un presepio.

I Musei

Una delle particolarità di Sellia è il grande numero di musei presenti sul territorio rispetto alla quantità di abitanti. Infatti a Sellia c’è un Museo ogni 60 abitanti, integrati e organizzati in SMOSS, Sistema dei Musei e degli Opifici storici di Sellia. Il MUSEBA, Museo dei Bambini Agricoltura & Ambiente, è uno spazio dedicato ai bambini sul tema dell’agricoltura e dell’ambiente. Realtà unica nella regione, il MuSeBa è un luogo in cui i bambini imparano giocando tutto ciò che ruota intorno alla produzione dell’olio d’oliva. La location è allestita a Palazzo Lostumbo, suggestiva e antica dimora nobiliare. 
All’interno del museo troneggia un albero d’ulivo, di cui al piano terra, dove è ubicato un frantoio del 1600, sono visibili le radici dell’olivo, mentre al piano superiore l’albero si manifesta nel suo splendore, reale e simbolico. Nato nel 2011, il Museo del Fumetto di Sellia ospita circa diecimila pezzi con oltre trecento testate. Uno spazio dal valore storico culturale immenso, che va dalla storia d’Italia a fumetti a quella di grandi personaggi storici e che presenta 73 quadri che raccontano la nascita e l’evoluzione del fumetto in Italia, con pezzi che risalgono ai primi anni del novecento. Il Museo della Scienza Terra & Cosmo è nato nel 2018 ed è dedicato all’ambiente, dalla terra al cosmo. Il museo ospita una vasta collezione di fossili, rocce, minerali e meteoriti provenienti dallo spazio ed è dotato di percorso didattico che aiuta a conoscere meglio l’ambiente in cui viviamo in ottica interdisciplinare, dall’astronomia, alla geologia passando dalla paleontologia. L’E-Muse EcoMuseo all’aperto, si sviluppa su una balconata realizzata negli anni 30’ e conserva 8 grandi riproduzioni di opere dei Macchiaioli che raccontano momenti della vita contadina. Nelle varie teche è riprodotto il patrimonio artistico, storico, ambientale di Sellia.

Borgo Avventura

Il Parco Avventure in Borgo nasce a Sellia nel 2017 e consente di provare numerose attrattive, quali il volo sul borgo, lungo 500 metri con partenza dal parco ed arrivo in pieno centro storico, la torre di lancio, alta 15 metri, il grande ponte tibetano, panoramico lungo 130 metri, cinque percorsi acrobatici dislocati su 24 atelier con vista sul Golfo di Squillace e svariati giochi a terra. Il parco è dislocato all’intero del borgo antico, tra strade e storie d’un tempo mai passato. Numerose sono le attività programmate durante la stagione estiva, a contatto con la natura incontaminata, i musei e il paese albergo, nel primo Borgo Avventura d’Europa in Calabria.

Informazioni utili

Indirizzo

Via G. Marconi, 4, Sellia

Telefono

0961 483049

Fax

0961 483900