Nicotera e il Festival dell’Ospitalità

Nicotera, il borgo ospitale
vv-nicotera

© Regione Calabria

Vivere slow

Se essere ospitali appartiene per natura ai calabresi, a Nicotera, borgo sul Tirreno in provincia di Vibo Valentia, lungo la Costa degli Dei, questo istinto si traduce da anni in un vero e proprio Festival dell’Ospitalità che trova il suo momento centrale a fine estate (29 settembre/1 ottobre l’edizione 2023).

Un festival che pone Nicotera e la sua comunità ospitale al centro di un circuito virtuoso, fatto di dibattiti, accoglienza, buone pratiche, eventi artistici, culturali e conviviali.

Cosa vedere a Nicotera, il borgo ospitale

Adagiato su un’altura panoramica ai piedi del Monte Poro, dalla quale si godono il Mar Tirreno e i tramonti infuocati lungo la Costa degli Dei, il centro storico di Nicotera conserva intatto il passaggio delle culture e delle diverse dominazioni che, nei secoli, ne hanno segnato la storia sino ai nostri giorni.

Crocevia di popoli che hanno lasciato segno tangibile del loro passaggio, l’abitato si inerpica in un susseguirsi di salite, discese, scalette, case addossate in assetto di difesa, arcate e piazzette che si aprono su scorci sorprendenti.

Vera e propria terrazza sul mare, che nulla ha da invidiare ai centri più rinomati lungo la stessa costiera, Nicotera rivendica la sua fiera resistenza anche nel nome, che alla lettera significa “Segno della vittoria”, con particolare riferimento alle incursioni saracene del IV secolo. 

Fu Roberto il Guiscardo a potenziare l’abitato nel 1065 costruendo un imponente castello, oggi Castello Ruffo (visitabile solo esternamente), e dando lustro alla Cattedrale di Santa Maria Assunta. Fulcro della nuova città, ricostruita seguendo gli schemi normanni, i due edifici ripartiscono l’abitato in diversi quartieri (Santa Chiara, Baglio, Porta Grande, San Nicola, ecc.) 

Nicotera Cattedrale
Regione Calabria

Tra questi, il più importante a livello storico e produttivo fu certamente la Giudecca

Visitare oggi la Giudecca di Nicotera (Iudeca) significa immergersi nelle tracce di un racconto affascinante. Nato sotto l’imperatore Federico II, il quartiere ebraico fu protagonista di una grande rinascita economica grazie alla sua comunità dedita alla lavorazione della seta, della tintoria e della carta, oltre alle attività commerciali e finanziarie dei banchi di prestito. Tuttora, il quartiere mantiene il tipico assetto giudaico, caratterizzato da piccoli edifici adibiti a casa-bottega (primo piano e pianterreno), collegati dai cosiddetti cafi (passaggi coperti).

Giudecca
Regione Calabria

Da qui passarono poeti, artisti e intellettuali che hanno fatto la storia del paese, le cui testimonianze sono visibili presso la Pinacoteca Vescovile Provinciale e il Museo Diocesano di Arte Sacra

Dal centro storico scendiamo sulla costa, a Nicotera Marina, per un tuffo in un mare turchino che lambisce una lunga spiaggia libera. Il mare è il luogo sacro in cui ogni anno, l’8 dicembre, si svolge uno degli eventi più attesi dalla comunità: la suggestiva Processione a Mare dell'Immacolata Concezione. Nell'occasione, i pescatori di Nicotera Marina portando in spalla la statua della Vergine immergendosi in acqua fino alla cintola, a evocarne il miracoloso rinvenimento in mare. 

Processione Nicotera
Regione Calabria

Festival dell’Ospitalità   

Altro evento divenuto centrale per la comunità nicoterese è il Festival dell’Ospitalità

Nato nel 2015 dalla passione di un gruppo di giovani del posto rientrati in Calabria dopo aver vissuto e maturato esperienze fuori regione, il festival persegue la mission di:

“ispirare ed educare operatori, comunità e territori a un turismo lento, sostenibile, responsabile ed ecologico.

In nome di questo ideale, il Festival dell’Ospitalità mette al centro della progettualità turistica le singole comunità locali nella loro forma più autentica, sollecitandole tutto l’anno a partecipare attivamente alla costruzione di una nuova idea di turismo e fruizione sostenibile dei luoghi attraverso incontri, workshop, dibattiti e iniziative itineranti che consentono ai piccoli centri di fare rete e scambiare tra loro esperienze virtuose e buone prassi.

Festival dell'Ospitalità
Cinzia Colacresi

Il festival si conclude di consueto tra fine settembre e inizio ottobre con una tre giorni nicoterese, che alterna i momenti di confronto istituzionale a quelli più leggeri, animati da vari artisti e personalità della cultura. Da non perdere, Il “Pranzo della Domenica”, vero e proprio rito sacro dell’ospitalità calabrese, che mette a sedere alla stessa tavola turisti, visitatori e comunità locale come in un tipico pranzo in famiglia.

https://calabriastraordinaria.it/news/nicotera-e-il-festival-dellospitalita

Ultimo aggiornamento: 15 feb 2024 15:50